Vai al contenuto

Master PI-E

Una cronaca del Master in Progettazione Imprenditoriale
per l’Innovazione nell’Edilizia
Edizione 2021

Il Master PI-E ha proposto un percorso formativo sull’innovazione nell’edilizia.

Con un forte orientamento all’inserimento lavorativo, l’obiettivo del Master era anche di potenziare la capacità delle imprese di introdurre l’innovazione di processo e di prodotto, e di rafforzare la capacità delle amministrazioni e degli enti pubblici di attuare politiche di sviluppo locale.

Promosso dall’Agenzia Sarda per le Politiche Attive del Lavoro (ASPAL), il Master è stato organizzato dal Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura (DICAAR) dell’Università di Cagliari, in collaborazione con il Dipartimento di Architettura, Ingegneria delle Costruzioni e Ambiente Costruito (ABC) del Politecnico Milano 1863.

Questo è un racconto dell’esperienza del Master PI-E.

Scorri giù


Scorri giù per continuare…

I contenuti del Master hanno riguardato la transizione digitale e ambientale nel settore dell’edilizia, con approfondimenti su:

  • Building Information Modelling/Management (BIM) e le metodologie di progettazione collaborative
  • utilizzo di nuovi materiali e tecnologie per l’involucro efficiente
  • integrazione edilizia di componenti per la produzione di energia da fonti rinnovabili
  • “domotica” e gli approcci “integrati” alla sostenibilità edilizia
  • diagnostica non distruttiva, approccio avanzato al rilievo
  • riqualificazione e riuso del patrimonio edilizio
  • strumenti e politiche pubbliche di sviluppo sostenibile

La peculiarità del Master PI-E stava nel percorso concepito attorno allo sviluppo di progetti imprenditoriali e di impianto dell’innovazione di prodotti o di processi nelle imprese e nelle pubbliche amministrazioni.

Infatti, dopo una prima fase di didattica comune, gli allievi e le allieve suddivisi in piccoli team progettuali avrebbero lavorato allo sviluppo di progetti di innovazione – accompagnati ed assistiti dai docenti, esperti e professionisti – su temi progettuali concepiti in stretta collaborazione con le imprese e le pubbliche amministrazioni partner, tesi ad affrontare bisogni e domande concrete di innovazione.

A gennaio 2021 decidono di iscriversi al Master venti allieve e allievi.

Con diverse lauree di provenienza

…e in diverse condizioni lavorative al momento dell’iscrizione, nel gennaio 2021…

… in prevalenza disoccupati o inoccupati, o con collaborazioni occasionali o attività lavorative non consolidate.


Continua giù


Il percorso

Il percorso del Master PI-E si è sviluppato da febbraio a ottobre 2021, con un impegno di mezza giornata per cinque giorni alla settimana, articolato in tre fasi:

  1. modulo e-learning e laboratorio di esercitazioni su metodi e strumenti di building information modelling e sistemi informativi territoriali (due mesi)
  2. modulo di didattica “comune” con corsi teorici, presentazioni di esperienze e casi studio, e seminari di approfondimento (un mese e mezzo)
  3. laboratorio progettuale, coordinato con il tirocinio presso l’impresa o ente pubblico (cinque mesi)

A questo percorso è seguita una fase di accompagnamento all’inserimento lavorativo, nella quale è stata offerta agli allievi e alle allieve la possibilità di proseguire lo sviluppo dei progetti presso l’impresa o l’ente pubblico, sostenuti da una borsa di merito finanziata dall’ASPAL…


1. Modulo e-learning e laboratorio di esercitazioni


Continua giù


2. Modulo “comune”: corsi e seminari


Continua giù

I e le docenti del modulo “comune” e i corsi sono stati (in ordine di apparizione):

Ezio Micelli (Università IUAV di Venezia)
“L’evoluzione e gli scenari del mercato delle costruzioni”
Riccardo Gulli (Università di Bologna)
“Nuovi paradigmi per l’edilizia residenziale delle periferie urbane”
Giuseppina Vacca (Università di Cagliari)
“Sistemi informativi territoriali”
Francesco Mola (Università di Cagliari)
“Metodi quantitativi per politiche territoriali”
Antonello Sanna (Università di Cagliari)
“Il ‘costruito’ come patrimonio: in ‘progetto di conoscenza’ integrato”
Salvador Anton Clavé (Universitat Rovira i Virgili)
“Geografie e politiche del turismo”
Ivan Blečić (Università di Cagliari)
“Pianificazione antifragile: come pensare al futuro senza prevederlo
Arnaldo ‘Bibo’ Cecchini (Università di Sassari)
“Pianificazione antifragile: come pensare al futuro senza prevederlo”
Maurizio Memoli (Università di Cagliari)
“Teorie geografiche del paesaggio”
Benedetto Meloni (Università di Cagliari)
“Territorio e sviluppo locale”
Italo Meloni (Università di Cagliari)
“Politiche di mobilità”
Ester Cois (Università di Cagliari)
“Politiche pubbliche e sviluppo locale”
Stefano Della Torre (Politecnico di Milano)
“Patrimonio storico, restauro e processi di riqualificazione”
Giuseppe Di Giuda (Università di Torino)
“Transizioni digitali per le costruzioni”
Monica Lavagna (Politecnico di Milano)
“Life Cycle Assessment di edifici e prodotti edilizi per migliorare l’efficienza ambientale”
Giorgio Massacci (Università di Cagliari)
“La sicurezza nel e del cantiere e la sua gestione digitalizzata”
Maria Chiara Di Guardo (Università di Cagliari)
“Creazione di impresa”
Maddalena Achenza (Università di Cagliari)
“La costruzione sostenibile nei contesti locali mediterranei”
Annarita Ferrante (Università di Bologna)
“Riqualificazione e rigenerazione del patrimonio edilizio: metodi ed esperienze”
Giuseppe Desogus (Università di Cagliari)
“Patrimonio costruito e normativa di intervento sotto il profilo energetico”
Ilaria Maria Brauer (CasaClima)
“CasaClima: il sistema di certificazione e la direttiva tecnica”
Carlotta Dolzani (CasaClima)
“CasaClima: strumenti per la certificazione e software ProCasaClima Hygrothermal”
Giorgio Querzoli (Università di Cagliari)
“Nuove qualità degli organismi urbani e edilizi. L’approccio fluidodinamico”
Gianmarco Chiri (Università di Cagliari)
“Nuove qualità degli organismi edilizi e urbani. L’approccio del progetto urbano”
Manuela Martelli (Webuild)
“Progetti ed esperienze di construction management
Lavinia Tagliabue (Università di Torino)
Cognitive Building: ricerche ed esperienze sull’edificio cognitivo”
Andrea Campioli (Politecnico di Milano)
“Studi preliminari e strategie di intervento sul costruito attraverso la bioclimatica”
Emanuela Quaquero (Università di Cagliari)
“Il BIM nella fase esecutiva”
Berardo Naticchia (Università Politecnica delle Marche)
“Industria 4.0”
Corrado Zoppi (Università di Cagliari)
“Infrastrutture verdi e servizi ecosistemici”

Nella fase laboratoriale, hanno inoltre dato il loro contributi alcuni docenti “specialisti”:

Davide Spano (Università di Cagliari)
Sviluppo in Python e Dynamo
Antonio Piccinini
BIM
Gianluca Gatto (Università di Cagliari)
Impianti elettrici
Roberto Ricciu (Università di Cagliari)
Impianti termici
Fausto Mistretta (Università di Cagliari)
Strutture
Luigi Fenu (Università di Cagliari)
Strutture
Alessandro Serra
Architetture in terra cruda
Antonio Pala (Università di Cagliari)
GIS

3. Laboratorio progettuale


Continua giù

Nelle attività progettuali, i gruppi sono stati seguiti da docenti di laboratorio, docenti “specialisti” e co-docenti/tutor.

I docenti di laboratorio sono stati Maddalena Achenza, Ivan Blečić, Arnaldo Cecchini, Giuseppe Desogus ed Emanuela Quaquero.

I docenti “specialisti” sono stati Ester Cois (sociologia e politiche pubbliche), Gianluca Gatto (impianti elettrici), Luigi Fenu (strutture), Fausto Mistretta (strutture), Antonio Pala (GIS), Antonio Piccinini (BIM), Roberto Ricciu (impianti termici), Alessandro Serra (architetture in terra cruda) e Davide Spano (sviluppo in Python e Dynamo).

I e le tutor co-docenti sono stati:

Alice Agus
Raffaele Argiolas
Lorenza Di Pilla
Davide Fara
Vittoria Frau
Stefano Ibba
Francesco Marras
Giulia Rubiu


I progetti

Nel corso del laboratorio, sono stati sviluppati tredici progetti


Continua giù


Continua giù


Continua giù


A conclusione del Master, mutano le condizioni occupazionali…

… con maggior parte degli allievi e allieve che trovano o consolidano posizioni lavorative, alcuni presso le imprese con le quali hanno sviluppato il progetto.


4. Inserimento lavorativo dopo il Master

A conclusione del Master, è seguita la fase di accompagnamento all’inserimento lavorativo.

Quattordici allievi e allieve, con il sostegno di una “borsa di merito” di durata di sei mesi finanziata dall’ASPAL, scelgono di proseguire lo sviluppo dei progetti presso l’impresa o l’ente partner, con il supporto e supervisione dei docenti universitari.

La borsa di merito post-Master ha consentito ulteriore sviluppo di progetti imprenditoriali in collaborazione con le imprese ed enti partner, ma ha anche favorito il consolidamento professionale e il successivo inserimento lavorativo, assieme al potenziamento delle imprese e degli enti con l’innesto delle nuove figure professionali.


Continua giù

Alla fine dell’accompagnamento all’inserimento lavorativo si registra un’ulteriore evoluzione delle condizioni lavorative…

… e un sostanziale consolidamento delle posizioni, con otto assunzioni a tempo indeterminato, cinque liberi professioni, e due che intraprendono un percorso di ricerca o dottorato.



Continua giù


Il Master PI-E è stato concepito nel 2019 da Massimo Temussi (ASPAL), Antonello Sanna e Ivan Blečić (DICAAR).

Comitato tecnico-scientifico-organizzativo
Maddalena Achenza, Ivan Blečić, Stefano Della Torre, Giuseppe Desogus, Giuseppe Di Giuda, Antonello Sanna, Emanuela Quaquero, Giuseppina Vacca

Direttore del Master
Ivan Blečić

Agenzia Sarda per le Politiche Attive del Lavoro (ASPAL)
Maika Aversano, direttrice
Enrico Garau, direttore del Servizio Risorse Umane e Formazione
Francesca Contini, referente Comitato Tecnico ASPAL-Università di Cagliari

Università degli Studi di Cagliari

Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura
Giorgio Massacci, direttore

Amministrazione
Alice Murru, responsabile segreteria di Dipartimento
Maria Regina Mascia, supporto segreteria
Veronica Mura, Anna Rita Pisu, Lucia Satta (contratti)
Francesca Esu e Cristiana Pinna (missioni, seminari e controllo di gestione)
Antonello Altea (gestione acquisti)
Ettore Schirru (protocollo e corrispondenza)
Mauro Meloni (supporto organizzativo e trasferimento tecnologico)

Settore Dottorati e Master
Monica Melis, responsabile
Stefania Angioni, Monica Carta e Roberta Leu

Politecnico di Milano
Dipartimento di Architettura, Ingegneria delle Costruzioni e Ambiente Costruito
Stefano Capolongo, direttore

Imprese ed enti partner
Buccellato Srl, Dearis Srls, Enermed Srl, FREM Group Spa, Impresa Pellegrini Srl, Legacoop Sardegna, Metassociati Srl, Soltea Srl, Studio di Architettura Ortu Pillola Associati, Associazione Internazionale Città della Terra Cruda, GAL Campidano / Distretto Rurale

Gli allievi e le allieve
Gianluca Altea, Adriana Arbau, Giovanni Antonio Boi, Giuseppe Nicolò Bonogli, Marcello Carta, Eleonora Congiu, Raffaele Isola, Maria Antonietta Ladu, Erica Mameli, Francesca Mameli, Andrea Marras, Sara Massa, Alba Montis, José Arturo Alvarado Ortega, Gavino Pais, Daniel Riccardo Pilia, Stefano Porceddu, Maria Carla Saliu, Simone Vacca D’Avino, Alfredo Zara


Questa pagina è una co-produzione di Glab e UnitelSardegna.
Progetto, coordinamento e sviluppo Web: Ivan Blečić
Produzioni video: UnitelSardegna
Materiali e curatela testi: Maria Carla Saliu
Postproduzione immagini: Cédric Dasesson
Trattamento dati e visualizzazioni: Ivan Blečić e Emanuel Muroni
Sviluppo Web aggiuntivo: Alessandro Floris