Il Decalogo

Un Decalogo per conservare le spiagge della Sardegna

Il progetto GERER “Gestion intègrèe de l’environnement à haute risque d’èrosion” (Gestione ambientale integrata in località ad elevato rischio di erosione) ha la finalità di aumentare la sensibilizzazione e la conoscenza sui sistemi di spiaggia della Sardegna e della Corsica. La divulgazione rappresenta una azione fondamentale del percorso intrapreso da GERER.

L’idea del decalogo nasce con lo scopo di diffondere alcuni suggerimenti a chi fruisce del bene e a chi lo deve tutelare, sulle pratiche da adottare per gestire in modo consapevole il patrimonio ambientale ed economico rappresentato dalle spiagge, continuando a perseguire la ricerca di soluzioni adeguate ai problemi specifici che si manifestano sulle spiagge, da affrontare caso per caso.

 
In questi termini il decalogo contiene alcuni principi ed elementi di attenzione di base che costituiscono i punti di partenza per la costruzione del “Manuale delle buone pratiche per la gestione delle spiagge” previsto dal Progetto INTERREG IIIA GERER.
 

Principi e definizioni

La spiaggia è un pezzo del mare e non della terra.

La spiaggia è un tratto di costa sabbiosa, tra la terra e il mare, molto più ampio di quanto normalmente siamo abituati a pensare, che può comprendere zone umide, dune, l’arenile e il fondale sabbioso della zona antistante.

La spiaggia non è immobile ma cambia continuamente nell’arco dei giorni, delle stagioni, degli anni, dei millenni. Dobbiamo considerarla un “pezzo” del mare e non della terra.

Le spiagge ed i materiali di cui sono costituite rappresentano una straordinaria risorsa ambientale ed economica. Non sono riproducibili. L’uomo può solo fare brutte copie.

 

La Posidonia non è un’alga.

La Posidonia oceanica è una pianta marina endemica del Mediterraneo, in grado di colonizzare vaste aree di fondo marino formando ampie distese verdi chiamate praterie estese dalla superficie fino a 40 metri di profondità in acque particolarmente limpide.

La prateria di Posidonia intrappola i sedimenti, attenua le onde e riduce la pendenza della spiaggia sommersa. Le foglie cadute della Posidonia sono frequentemente spiaggiate sugli arenili, specialmente durante l’inverno, formando strutture denominate “banquette” che proteggono le spiagge dall’erosione marina. Inoltre l’elevata biomassa animale a guscio carbonatico, presente nella prateria quando cessa il suo ciclo vitale produce una congrua parte di quei frammenti che, sottoforma di sedimenti carbonatici, andranno a ripascere le spiagge.

Decalogo per la gestione delle Spiagge Sarde in formato .PDF
disponibile nelle seguenti lingue

                                           

Si precisa che i File e gli elaborati del materiale sono protetti da copyright e non sono modificabili